I pionieri dell’archeologia subacquea

Tutto è partito dal castello di Baia

Documenti d’archivio, foto d’epoca e lettere dei protagonisti della ricerca subacquea. Tutto è partito dal Castello di Baia, dove da maggio 2019 ad agosto 2020 si è tenuta la mostra “I Pionieri dell’Archeologia Subacquea”. Un’esposizione promossa dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli, insieme al Parco Archeologico dei Campi Flegrei e all’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, con la regia di Teichos, cui è stata affidata la progettazione e la realizzazione dell’evento. Una rassegna che ha fatto da preludio a Thalassa e Terracqueo, i due grandi appuntamenti sul Mediterraneo, di scena rispettivamente al MANN di Napoli e al Palazzo Reale di Palermo. Ad ispirare i lavori la figura del compianto Sebastiano Tusa (archeologo, accademico italiano, già Soprintendente del Mare e poi assessore ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana), cui la mostra ha dedicato un omaggio. “Ci premeva ribadire come la storia dell’archeologia subacquea fosse e sia tuttora legata ai Campi Flegrei e a Baia, dove hanno avuto inizio le prime esplorazioni – sin dal 1959 con Nino Lamboglia – in cui è stato adottato un approccio ed una metodologia innovativa e moderna”, ci spiega Fabio Pagano, direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

Un bel pezzo dello sviluppo dell’archeologia subacquea passa da qui. Un mosaico di venticinque siti, quello del parco flegreo, che l’evento sui “pionieri” ha provveduto a rilanciare, lasciando il segno. “Ci siamo concentrati sulle grandi acquisizioni degli ultimi anni – continua il direttore Pagano – e contiamo di proseguire su questa strada investendo ancora in ricerca, restauro, conservazione e parallelamente in tecnologia applicata.

Foto aerea delle strutture sommerse di Porto Giulio, Parco Archeologico Sommerso di Baia (Teichos)

Il fine ultimo resta quello di rendere fruibile a quante più persone possibili il patrimonio dei Campi Flegrei”. Una strategia che deve fare i conti anche con il difficile momento pandemico. “Ma tutti i nostri
cantieri stanno andando avanti, sia quelli di terra che quelli in mare”, assicura il direttore del Parco. “In queste settimane abbiamo lavorato con una programmazione serrata soprattutto sui canali social per tenere
alta l’attenzione sui Campi Flegrei”, ci dice. E poi fa un riferimento alla dimensione immersiva, molto presente già nella mostra dei “Pionieri”. “La realtà virtuale è una leva importante per chi, come noi, dispone
di un parco sommerso come Baia, che è possibile visitare con immersioni vere e proprie, con snorkeling e imbarcazioni con oblò trasparente, ma anche attraverso i nuovi strumenti che la tecnologia offre.
Ci sarà un nuovo portale dedicato esclusivamente al sito sommerso”. E per l’estate, confidando in una tregua dal virus, il Parco lancerà due nuovi itinerari.

“Sono sul Portus Iulius – ci anticipa il direttore Pagano –, il grande porto costruito da Marco Vipsanio Agrippa per volere di Ottaviano. Sono in corso delle ricerche che sicuramente daranno esiti interessanti sotto il profilo della fruizione pubblica”.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

ULTIME NEWS

“L’occasione della presentazione della rivista iMediterranei è anche il momento per fare il punto sull’intesa attività del MANN legata al

Si è svolta l’8 luglio presso l’auditorium del Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), in occasione della Giornata internazionale del

“Ha avuto il coraggio, l’intuizione, la capacità imprenditoriale di investire in un brand editoriale di carta stampata, web e tv,

Intervista al presidente dell’Anton Dohrn Roberto Danovaro Nel Mar Mediterraneo si sviluppa circa il 20% del prodotto marino mondiale per

Lo dice con rammarico e, allo stesso tempo, con entusiasmo Nicola Scotto di Carlo, dal 2018 direttore del Museo Civico

Dagli abissi marini alla scoperta di me stessa di Maria Felicia Carraturo  Non so quando è iniziata quella voglia irrefrenabile

di Riccardo Maria Monti* Una serie di imponenti trend geopolitici come la Belt & Road Initiative, il raddoppio del Canale

di avv. Gennaro Famiglietti* L’origine del termine Euro-Mediterraneo (con o senza ‘trattino’) risale a circa 20 anni fa, deriva da

di Marcello di Caterina* L’Italia sta attraversando mesi particolarmente complessi e duri. Alla sfida della pandemia e della crisi sanitaria

Avvocato, componente del consiglio di amministrazione della nota Facoltà di Architettura di Venezia e delle fabbricerie della magica Cattedrale di