Riprogettare la mappa infrastrutturale del Mezzogiorno. Ora o mai più

in foto Riccardo Maria Monti

di Riccardo Maria Monti*

Una serie di imponenti trend geopolitici come la Belt & Road Initiative,
il raddoppio del Canale di Suez, il gigantismo navale, la pacificazione avviata in Siria e Libia, il tema degli approvvigionamenti energetici e i nuovi flussi migratori stanno riportando prepotentemente al centro dell’attenzione il Mare Mediterraneo. Questa ritrovata centralità rappresenta un’opportunità unica per i porti e le infrastrutture del Sud Italia, che tradizionalmente ha avuto difficoltà a valorizzare la sua posizione perdendo quote di mercato verso i porti e la logistica di altri paesi e del Nord Italia.

Nuove infrastrutture fisiche e logistiche debbono essere pensate e realizzate con le migliori tecnologie disponibili al fine di creare sviluppo e benessere in una logica di mutuo interesse per tutte le nazioni coinvolte.
L’industria della logistica, dei trasporti e del mare in generale va quindi considerata non solo come un enorme volano di sviluppo ed occupazione ma anche come il principale strumento per recuperare un ritardo storico, nello specifico la limitata presenza del Sud nelle filiere globali ed il suo modesto contributo alle esportazioni italiane.
Il comparto della logistica, elemento indispensabile nelle supply chain moderne, è uno dei settori a maggior potenziale di attrazione di capitali e dove con maggiore facilità si possono costruire grandi progetti di investimento nazionale ed internazionale, a maggior ragione nel Sud.

A questo proposito numerosi fondi di investimento, infrastrutturali ma non solo, cercano sbocchi adeguati ed il Sud Italia, che finora non è riuscito ad intercettarli a causa del suo deficit di sviluppo, si candida ad approfittare – complice anche la favorevole congiuntura che vede operativo a breve il Recovery and Resilience Facility – di una occasione storica per colmare il suo divario industriale.

Non possiamo nasconderci che si tratta di una corsa contro il tempo. Il ritardo inaccettabile dei collegamenti ferroviari dei Porti del Sud Italia, associato alla inspiegabile lentezza nell’attivazione delle ZES, che create nel 2017 sono ancora de facto non operative (?!) rende l’ecosistema dei porti meridionali non attrezzato a cogliere la sfida. Ora è il momento per riprogettare la mappa infrastrutturale del Mezzogiorno, mettendo in collegamento le grandi infrastrutture portuali, in primis Napoli, Gioia Tauro e Taranto, con un moderno asse viario su gomma e ferro per accelerare lo sviluppo del Paese tutto. In questo senso gli interporti, in primis la struttura di Marcianise con la sua massiccia e moderna infrastrutturazione, rappresentano uno snodo fondamentale per costruire una nuova economia della logistica sostenibile ed integrata in una logica di interoperabilità con i grandi porti del Mediterraneo e con il Canale di Suez. Questo permetterebbe di innescare un meccanismo occupazionale moderno, con una economia di light transformation in regime import export che vada al di là delle tradizionali attività manifatturiere.

Parliamo della creazione di nuove professionalità tecnologicamente all’avanguardia, valorizzando le tante risorse umane del Sud Italia rimaste sino ad oggi inespresse. Una sfida decisiva da cogliere.
Adesso o mai più

*Presidente Interporto
Sud Europa

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

ULTIME NEWS

“L’occasione della presentazione della rivista iMediterranei è anche il momento per fare il punto sull’intesa attività del MANN legata al

Si è svolta l’8 luglio presso l’auditorium del Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), in occasione della Giornata internazionale del

“Ha avuto il coraggio, l’intuizione, la capacità imprenditoriale di investire in un brand editoriale di carta stampata, web e tv,

Intervista al presidente dell’Anton Dohrn Roberto Danovaro Nel Mar Mediterraneo si sviluppa circa il 20% del prodotto marino mondiale per

Lo dice con rammarico e, allo stesso tempo, con entusiasmo Nicola Scotto di Carlo, dal 2018 direttore del Museo Civico

Dagli abissi marini alla scoperta di me stessa di Maria Felicia Carraturo  Non so quando è iniziata quella voglia irrefrenabile

di Riccardo Maria Monti* Una serie di imponenti trend geopolitici come la Belt & Road Initiative, il raddoppio del Canale

di avv. Gennaro Famiglietti* L’origine del termine Euro-Mediterraneo (con o senza ‘trattino’) risale a circa 20 anni fa, deriva da

di Marcello di Caterina* L’Italia sta attraversando mesi particolarmente complessi e duri. Alla sfida della pandemia e della crisi sanitaria

Avvocato, componente del consiglio di amministrazione della nota Facoltà di Architettura di Venezia e delle fabbricerie della magica Cattedrale di