Transizione digitale, ecosistema dell’innovazione, aiuti alle imprese

in foto la Campania

Così il nuovo piano regionale cambia le regole del gioco e punta a rilanciare il settore

Turismo culturale ma anche enogastronomico e balneare.

Tre punti di forza su cui far leva per rilanciare il settore in Campania dopo il crollo delle visite dovuto al lockdown del 2020 e alla conseguente chiusura forzata delle strutture.

Il Piano regionale per il turismo 2021 ha un obiettivo: garantire normalità ad un comparto duramente colpito dalla gravissima emergenza pandemica mondiale.

Per raggiungerlo era necessario individuare traiettorie strategiche e durevoli, consapevoli e riconoscibili, indenni da tentazioni particolaristiche, localistiche e occasionali. Si è partiti dunque dal presupposto che il settore turistico ha una sua ricchezza intrinseca ma è strettamente interconnesso ad altri: trasporti pubblici, mobilità integrata ed intermodale, servizi sociali, condizione ambientale sostenibile, sicurezza generalizzata e di tipo sanitario.

L’Assessorato ha quindi avviato una campagna d’ascolto con tutti gli attori istituzionali ed imprenditoriali, che è sfociata in un tavolo permanente ed ha fatto rilevare una priorità trasversale e condivisa: la necessità di una comunicazione evoluta, che punti su una forte strategia digitale fino ad oggi carente. Ecco la proposta inviata ai 12 tavoli di ascolto istituiti dall’Assessorato al Turismo. Oltre 300 milioni per la filiera turistica.

Il Piano annuale potrà disporre della somma complessiva di 40 milioni di euro in fase di prima applicazione, nel 2021, mentre a valere sulla programmazione europea 2021/2027 sono stimati interventi per ulteriori 300 milioni di euro.

Condividi l'articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

ULTIME NEWS

“L’occasione della presentazione della rivista iMediterranei è anche il momento per fare il punto sull’intesa attività del MANN legata al

Si è svolta l’8 luglio presso l’auditorium del Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), in occasione della Giornata internazionale del

“Ha avuto il coraggio, l’intuizione, la capacità imprenditoriale di investire in un brand editoriale di carta stampata, web e tv,

Intervista al presidente dell’Anton Dohrn Roberto Danovaro Nel Mar Mediterraneo si sviluppa circa il 20% del prodotto marino mondiale per

Lo dice con rammarico e, allo stesso tempo, con entusiasmo Nicola Scotto di Carlo, dal 2018 direttore del Museo Civico

Dagli abissi marini alla scoperta di me stessa di Maria Felicia Carraturo  Non so quando è iniziata quella voglia irrefrenabile

di Riccardo Maria Monti* Una serie di imponenti trend geopolitici come la Belt & Road Initiative, il raddoppio del Canale

di avv. Gennaro Famiglietti* L’origine del termine Euro-Mediterraneo (con o senza ‘trattino’) risale a circa 20 anni fa, deriva da

di Marcello di Caterina* L’Italia sta attraversando mesi particolarmente complessi e duri. Alla sfida della pandemia e della crisi sanitaria

Avvocato, componente del consiglio di amministrazione della nota Facoltà di Architettura di Venezia e delle fabbricerie della magica Cattedrale di